Benvenuto in IFTA - ITALIAN FEDERATION OF FIELD TARGET ASSOCIATIONS

   

IFTA FEDERAZIONE
· Home
· Chi siamo
· Cosa facciamo
· Sedi
· Campi
· Enti affiliati

FIELD TARGET
· Cosa è il Field Target
· Come si pratica
· L'attrezzatura

  LE VARIANTI IN ITALIA

  · Hunter Field Target

ALBI FEDERALI
· Albo Campioni d'Italia

SEGRETERIA
· E-Mail
· Linea Diretta

NORMATIVA
· Regolamento FT
· Regolamento HFT

ONLINE
In questo momento ci sono, 5 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Colophon

Php-Nuke Web Engine.
La visione è consigliata con risoluzione 1024x768 pixel


IFTA - ITALIAN FEDERATION OF FIELD TARGET ASSOCIATIONS


IFTA-AIFT - Italian Field Target Association - Associazione Italiana Field Target IFTA-AIFT - Italian Field Target Association - Associazione Italiana Field Target

L'ATTREZZATURA PER IL FIELD TARGET

Cosa è necessario

Lo strumento fondamentale è ovviamente un’arma ad aria compressa, che dovrà essere corredata di ottica adeguata (cannocchiale di puntamento) e di munizioni adatte (dette comunemente "piombini", "pallini" o "pellets"). Servirà poi una borsa o una valigia per il trasporto dell'arma e una protezione per gli occhi per evitare la remota possibilità di rimbalzi provenienti da bersagli posti in prossimità del tiratore (anche gli occhiali da sole o da vista sono ammessi).

Per quanto riguarda accessori e abbigliamento, non esistono disposizioni in merito, se non alcune limitazioni riguardanti giacche, tute e guanti da tiro, che non sono permessi.

Sono consigliati un buon paio di scarponi da "trekking", robusti calzoni, una ginocchiera o un cuscinetto per il tiro in ginocchio. L'abbigliamento da caccia è ammesso.

Se piove, di norma le manifestazioni hanno egualmente luogo: quindi una mantellina impermeabile e un cappellaccio dovrebbero fare sempre parte della dotazione dell'appassionato di Field Target.
 

Armi e legge

È possibile indirizzarsi semplicemente verso l'acquisto di un prodotto di libera vendita, classificato come "arma di modesta capacità offensiva" (con potenza espressa in volata inferiore a 7,5 Joules), che chiunque abbia compiuto il diciottesimo anno di età può comperare, oppure orientarsi verso armi ad alta potenza (dette anche "full power") che sono equiparate in tutto e per tutto dal punto di vista normativo alle armi da fuoco, ricadendo nelle disposizioni e nei limiti fissati dalle relative leggi.

Qualsiasi scelta non preclude la partecipazione alle manifestazioni e gare informali o agonistiche del panorama italiano e europeo, essendo previste differenti categorie sportive in funzione della potenza dell'arma.

Le armi si differenziano tecnicamente per il diverso sistema di propulsione del pallino.
 

Tipologie d'arma:
carabine "springer"

La classica arma ad aria compressa è quella a molla, detta anche  "springer" per i più tecnici.

Questi modelli d'arma sono caratterizzati quasi sempre da un prezzo di acquisto allettante, dalla loro semplicità meccanica e dalle possibilità di accuratizzazione (cioè di intervento migliorativo del ciclo di sparo) da parte dell'appassionato.

Tuttavia, purtroppo, mostrano il loro lato debole per la minore precisione rispetto ad altre tipologie e a volte per lo sforzo fisico richiesto dal caricamento (questo principalmente per le armi ad alta potenza), che deve essere operato prima di ogni tiro.

Le reazioni meccaniche di queste carabine "springer" allo sparo sono abbastanza sensibili in funzione della potenza erogata e i loro effetti – in particolare quindi per le armi "full power" – si concretizzano spesso in una rosata piuttosto allargata nelle prove su bersaglio cartaceo.

Se affascinati dal mondo delle molle, pertanto, il consiglio per il neofita è di attestarsi su quella fascia di armi definite di libera vendita, per limitarne appunto le reazioni e gli effetti che possono essere deleteri sulla ricerca della prestazione ludica o sportiva.
 

Tipologie d'arma:
carabine "pcp"

Sono disponibili  anche armi più evolute, il cui sistema propulsivo è fornito da una congrua riserva di aria compressa contenuta in apposito serbatoio ad alta pressione (di solito 200 atmosfere) che non richiede quindi il rifornimento di aria prima di ogni tiro.

Sparare con un prodotto di questa tipologia lascia sorpresi per l'assenza di reazioni o vibrazioni e per la massima precisione nelle prestazioni in rosata su bersaglio cartaceo: tuttavia questa tecnologia e questa precisione si pagano con un prezzo più elevato e con l'obbligo di portarsi appresso una pompa ad alta pressione o una bombola "scuba" per la ricarica del serbatoio.
 

Il sistema di mira

Anche se qualcuno le usa molto sportivamente, mettiamo da parte diottre e mire metalliche che non sono adatte a questa specialità di tiro.

Serve quindi un cannocchiale che - se da montare sulle armi "springer" - deve essere molto robusto in quanto deve sopportare le vibrazioni e le reazioni allo sparo che potrebbero danneggiare il reticolo di mira.

In qualsiasi caso è indispensabile un’ottica variabile, mediamente con ingrandimenti dal 4x fino a giungere al 18x e oltre a seconda delle abitudini e delle necessità personali.

Il cannocchiale deve essere dotato di ghiera o ruota di correzione della parallasse (può essere montata sull'obbiettivo dell'ottica o su una terza torretta posta a sinistra): questa regolazione è necessaria per la messa a fuoco di qualsiasi bersaglio a partire dai 10 metri di distanza.

Le torrette per l'azzeramento (cioè per la regolazione in alzo e deriva del cannocchiale rispetto al punto mirato) dovrebbero essere azionabili a mano libera e quindi senza l'ausilio di cacciavite o monetina e possibilmente essere di dimensioni che ne comportino un uso facilitato.

Da non trascurare impermeabilità del sistema di mira agli agenti esterni, in quanto non sempre allenamenti e gare si disputano sotto il sole, anzi .....
 

Supporti per ottica

L'ottica sarà installata sull'arma utilizzando un sistema di attacchi di buon livello: ne esistono di numerose tipologie, dal monopezzo, ai due pezzi, al supporto ammortizzato: questi ultimi sono consigliabili su armi "springer" dalle reazioni un po' troppo generose, se non si vuole danneggiare il cannocchiale dopo qualche tiro.
 

Non ultima,
la sicurezza

Per allenamento individuale può essere sufficiente un qualunque spazio domestico, anche coperto, con una linea di tiro di almeno 15 metri, ma la prospettiva migliore si crea ovviamente all'aperto, ove questa disciplina viene praticata normalmente.

Rigorosa attenzione dovrà essere prestata in qualsiasi occasione alla direzione di tiro: anche le armi ad aria compressa depotenziate possono essere pericolose ed è quindi necessario seguire sempre i dettami di sicurezza e comportamento come per qualsiasi altra arma.

Fondamentale è verificare che la traiettoria del proiettile non costituisca in alcun caso un pericolo per cose e persone che potrebbero interferire sulla linea di mira o anche oltre la stessa.
 

V.07



:: SHOOT AND ENJOY WITH IFTA THE OFFICIAL FIELD TARGET IN ITALY ::

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner.
The comments are responsibility of their posters. All the rest © 2005-2009 IFTA
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.07 Secondi